Ethical Public Relations

 

 

Consiste in un’operazione di intermediazione dialogica fra l’organizzazione ed il suo target di riferimento.

Il dialogo filosofico si fa strumento di comunicazione trasparente fra l’azienda e i suoi clienti, o il suo pubblico. Non si tratta della manipolazione di parole e concetti con finalità persuasive, come nella pubblicità, ma di concreta possibilità di comprensione biunivoca. Infatti le pubbliche relazioni si pongono in un orizzonte bidirezionale: non è importante solo il modo in cui la nostra organizzazione si mostra al pubblico, ma anche la percezione che il pubblico ha di questa immagine. Istituendo un dialogo etico possiamo comprendere la percezione che suscitiamo presso il cliente, aiutarlo a vederci nella giusta prospettiva, ma anche, magari, rettificare la nostra comunicazione, chiarificandola, o migliorare la nostra azione rendendola maggiormente comprensibile.

La creazione di fiducia reciproca attraverso un dialogo filosofico eticamente fondato rende possibile l’incontro su ‘verità’, principi e concetti condivisi, e sulle azioni conseguenti, credibili nella misura in cui sono sottese da un patto di sempre perseguibile revisione critica. Nelle pubbliche relazioni professionali, la realizzazione di questo processo dialogico ha un valore incommensurabile rispetto al consolidamento di un’immagine solida, affidabile, attendibile.

La relazione etica si è rivelata di grande efficacia, ad esempio, nello svisceramento delle questioni ambientali, laddove l’individuazione e la chiarificazione di incongruenze e contraddizioni intrinseche permette di sciogliere l’irrigidirsi delle posizioni, che spesso determinano una contrapposizione fra cittadini e pubblica amministrazione.